APPROVAZIONE DELLA DELIBERA DI INDIRIZZO SUL PUC

Immagine

L’iter di discussione ed approvazione della delibera di indirizzo sul PUC ha visto riconosciuto il valore di un’interlocuzione rispettosa e puntuale con la società civile, anche se sul piano dei contenuti è ancora insoddisfacente.

Dopo molti mesi di lavoro martedì 4 marzo il Consiglio Comunale ha approvato la delibera di indirizzo sul PUC, modificata per ottemperare alle richieste avanzate dalla Regione Liguria attraverso la VAS (Valutazione Ambientale Strategica).

Avremmo desiderato delle modifiche più incisive, capaci di condizionare in modo chiaro e definitivo lo sviluppo di Genova dei prossimi anni nel senso della messa in sicurezza del territorio, del benessere e della salute dei cittadini, della valorizzazione delle aree agricole come risorsa pregiata per il rilancio del lavoro e di produzioni locali di qualità, indisponibile alla speculazione.

Consideriamo tuttavia il percorso fatto un buon inizio. Apprezziamo il cambiamento di tono e di consapevolezza che ha accompagnato il dibattito, così come la disponibilità del Consiglio a confrontarsi con il Coordinamento di reti e comitati contro il consumo di suolo sui contenuti puntuali degli emendamenti. Li avremmo voluti diversi e più coraggiosi, pur riconoscendo che alcune richieste sono state recepite.

Auspichiamo che la disponibilità a un confronto produttivo si mantenga per tutto il percorso di messa a punto del Piano Urbanistico Comunale.
Vigileremo territorio per territorio, con particolare attenzione ai Distretti di Trasformazione e alla Linea Verde, perché i principi apparentemente condivisi non vengano traditi e perché la progettazione del territorio garantisca ai cittadini il rispetto dei loro diritti e la possibilità di un futuro caratterizzato da uno sviluppo sostenibile e duraturo.

Le reti IF (rete per l’altraeconomia) e Salviamo il Paesaggio hanno partecipato, insieme a diversi comitati territoriali, a tutto il percorso di interlocuzione col Comune, sia negli appuntamenti organizzati nei Municipi che nel lungo dibattito in Commissione Territorio. Auditi due volte, abbiamo portato documenti e contributi politici e tecnici e argomentato le nostre posizioni anche avvalendoci dell’esperienza maturata in altre regioni italiane.

Per aumentare la consapevolezza sui temi in discussione e la partecipazione di tutti i cittadini al percorso di confronto col Comune di Genova, il 4 dicembre abbiamo organizzato a Palazzo Tursi la Tavola Rotonda “La Pianificazione territoriale: come affrontare il tema del consumo di territorio”, a Palazzo Tursi, il 4 dicembre 2013” (in cui sono intervenuti diversi amministratori di Comuni virtuosi, il nostro vicesindaco e l’assessore regionale all’agricoltura) e la petizione “La città che vogliamo. Stop al consumo di territorio”, che ha raccolto l’adesione di 53 fra reti, comitati e associazioni di Genova e della Liguria e diverse migliaia di firme.

Manuela Cappello (Salviamo il Paesaggio) e Stefano Chellini (IF), sono stati ospiti nella web tv PAM PAM PAM, dedicata al PUC.
Qui potete trovare il video: http://www.genovirus.it/

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Documentazione. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...